mercoledì 11 ottobre 2017
“Come usare la saggezza della folla?” è il titolo dell’approfondimento che Gabriele Moretti, ingegnere appassionato di informatica e sviluppo tecnologico, ha dedicato alla teoria sociologica.

Gabriele Moretti: la "saggezza della folla" porta a decisioni migliori

Gabriele MorettiL'ultimo contributo di Gabriele Moretti al blog "Diario di un futuro inventore" fonde le sue passioni per il management, le strategie di crescita aziendale e l'intelligenza artificiale. Il professionista riflette sul processo di decision-making, riprendendo la teoria sociologica della "saggezza della folla" secondo cui un grande gruppo di persone ha una capacità decisionale maggiore rispetto a quella di un piccolo gruppo, anche se possiede più competenze sul tema. Secondo alcune ricerche scientifiche, occorrono certe condizioni affinché questo si verifichi: indipendenza delle risposte, disomogeneità dei partecipanti e decentralizzazione, che il professionista ritiene "assolutamente frequenti e di semplice realizzazione". Ma come mai molte teste incompetenti sono più decisioniste di poche esperte? La differenza è nella "diversità": tanti individui con molteplici esperienze riescono ad accedere a un numero di informazioni maggiore e ad avvalersi di differenti schemi mentali e modelli interpretativi, fattori che inficiano positivamente sulla capacità decisionale. Come Gabriele Moretti evidenzia nel suo articolo, anche le moderne tecniche di intelligenza artificiale sembrano confermare questa teoria, poiché ricorrono all'uso contemporaneo di diversi modelli per ottenere risultati affidabili. Basti pensare a Linux, software "open source" al cui mantenimento contribuiscono migliaia di sviluppatori indipendenti. O ai motori di ricerca che calcolano il loro ranking a partire dai flussi di traffico degli utenti che ci hanno preceduto nella navigazione. Il manager mette in guardia però sulle conseguenze negative che potrebbero verificarsi nel caso venisse a mancare una delle suddette condizioni: "Pensiamo alle bolle e ai crack finanziari, generati dalla mancanza di indipendenza nella scelta degli investitori". Infine Gabriele Moretti si sofferma sulle potenzialità che queste tecniche, ancora poco esplorate, potrebbero avere in materia di gestione aziendale. Oggi infatti si preferisce puntare su piccoli gruppi di saggi per prendere decisioni relative all'azienda: riuscire a far partecipare tutti i dipendenti al processo decisionale potrebbe invece fare la vera differenza, perché in questo modo si arriverebbe a conoscere tutti quei dettagli di cui i board spesso non hanno contezza.

Manager: il profilo professionale di Gabriele Moretti

Appassionato di neuroscienze, fisica e futurologia, oltre che di strategia, management, data science e machine learning, Gabriele Moretti nasce a Torino nel 1971. Si laurea in Ingegneria Gestionale nel 1995, ottenendo l'abilitazione alla professione l'anno successivo. Nello stesso periodo dà vita a Contacta. Nel 2000 ottiene la nomina di Vicepresidente Ingegneri Gestionali, carica che ricoprirà fino al 2008. Per aggiornarsi, nel 2014 prende parte ai corsi The Analytics Edge e il Corso Big Data and Social Physics presso il MIT di Boston, grazie a cui perfeziona le proprie competenze in ambito informatico. Oggi Gabriele Moretti è consulente strategico e organizzativo per PMI: si occupa di intelligenza artificiale e delle sue potenzialità applicative nell'ottimizzazione dei processi operativi aziendali. Il manager è inoltre un cultore dell'arte moderna e contemporanea, dell'architettura e del design.

Articoli correlati per categorie