mercoledì 26 giugno 2019
“Fare impresa è un gesto d’amore verso i propri sogni e il proprio Paese”: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati parla agli imprenditori di Assolombarda.

Il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, in visita a Monza, incontra gli imprenditori di Assolombarda: "Lo Stato dia un segnale forte alle imprese".
Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati dialoga con gli imprenditori di Assolombarda

"Un gesto di amore verso i propri sogni e le proprie ambizioni ma anche verso un territorio": questo per il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati significa "fare impresa". Nell'incontro con gli imprenditori di Assolombarda, avvenuto lo scorso 17 maggio in occasione di una visita a Monza, il Presidente ha parlato della necessità di "ascoltare la voce delle imprese": le istituzioni, soprattutto quelle rappresentative, devono "prestare maggiore attenzione alle realtà, alle esperienze, ai consigli che esprimono e che arrivano dalle imprese". Come ha spiegato Maria Elisabetta Alberti Casellati, le imprese per crescere necessitano di un contesto adeguato: è lì infatti che "possono partire i segnali di una ripresa che ormai non può più tardare".

È dovere della politica ascoltare le imprese: il pensiero di Maria Elisabetta Alberti Casellati

"Le istituzioni devono dare attenzione alle vostre istanze e sostenere il vostro coraggio. E la politica economica pubblica deve essere la prima ad infondere segnali di fiducia" ha detto Maria Elisabetta Alberti Casellati agli imprenditori di Assolombarda. "Per sostenere le imprese esistenti e per promuovere la nascita di nuove, occorre che le politiche economiche pubbliche siano le prime a dare un chiaro, convinto segnale di fiducia" ha aggiunto il Presidente del Senato, sottolineando come questo contribuisca "a innescare una rivoluzione culturale che riconosca alla libera iniziativa imprenditoriale il suo ruolo centrale per la crescita e lo sviluppo di tutto il Paese". Dunque più attenzione e meno burocrazia. Perché, come ha spiegato Maria Elisabetta Alberti Casellati concludendo il suo intervento, "un eccesso di burocrazia rallenta le aziende e le penalizza, sottraendo cavalli ai loro motori e costringendole a confrontarsi con competitor internazionali che hanno propulsori molto più prestanti".

Articoli correlati per categorie