martedì 18 febbraio 2020
Alessandro Benetton: “Le città come Cortina sono dei veri e propri brand e tutti i cittadini contribuiscono alla loro costruzione e valorizzazione”.

Cortina d'Ampezzo si appresta ad ospitare i Mondiali di Sci 2021 e, insieme a Milano, le Olimpiadi Invernali 2026. In prima fila per l'organizzazione e la valorizzazione di questi importanti eventi c'è Alessandro Benetton. L'imprenditore ha raccontato questa avventura nella video rubrica "#UnCafféConAlessandro".
Alessandro Benetton

Alessandro Benetton: i Mondiali di Sci e le potenzialità di Cortina

600 atleti rappresentanti di 70 nazioni, 120 mila spettatori, 500 milioni di persone collegate in diretta televisiva da tutto il mondo, senza contare l'impatto e la risonanza social dell'evento: sono i numeri dei Mondiali di Sci 2021 che si terranno a Cortina d'Ampezzo. Alessandro Benetton, in qualità di Presidente della Fondazione che si occupa dell'organizzazione dei Mondiali, ha dedicato a questa sua sfida un recente episodio della rubrica social "#UnCafféConAlessandro", appuntamento all'interno del quale l'imprenditore si racconta e dice la sua su diversi temi legati all'imprenditoria e all'attualità. Perché ha deciso di occuparsi dell'organizzazione dei Mondiali? Cosa l'ha spinto ad accogliere la sfida? "Il primo motivo è semplice. Amo Cortina. Ho iniziato a sciare a 5 anni, sono maestro di sci, la montagna è la mia passione e Cortina è il posto dove la posso vivere": da questo interesse è nata la voglia di migliorare una realtà locale ancora troppo radicata al passato, non aperta al cambiamento e all'innovazione. I Mondiali di Sci si sono rivelati un'occasione imperdibile per riportare i riflettori su una città con così tanto potenziale come Cortina e sulle piccole eccellenze italiane. In qualità di Presidente di Fondazione Cortina 2021, Alessandro Benetton punta a costruire un futuro ricco e sempre più prestigioso per la località.

Alessandro Benetton: Cortina è un brand e tutti i suoi abitanti sono imprenditori

"Le città come Cortina sono dei veri e propri brand e tutti i cittadini contribuiscono alla loro costruzione e valorizzazione", ha dichiarato Alessandro Benetton nel suo video pubblicato su Youtube e condiviso anche dal Corriere della Sera, come di consueto. Non si tratta solo di far sì che un evento abbia successo nell'immediato, ma lo scopo di questo lavoro prevede una prospettiva più a lungo termine di valorizzazione del territorio e della città. Grazie al lavoro di Fondazione Cortina si è venuta a creare una rete locale di giovani con competenze che spaziano dall'ambito organizzativo a quello dei new media, dalla sostenibilità al turismo sportivo: si tratta di una risorsa preziosissima che può essere sfruttata anche in futuro, ad esempio, per le Olimpiadi Invernali Milano-Cortina 2026. "Oggi non si può più ragionare solo in termini di profitto personale", ha spiegato Alessandro Benetton. "Con le iniziative come i Mondiali di Cortina vinciamo tutti, perché vince il sistema Italia".

Articoli correlati per categorie