giovedì 24 settembre 2020

L’emergenza Coronavirus non arresta i progetti di crescita internazionale di LaPresse S.p.A.: le osservazioni del fondatore e Presidente Marco Durante.

LaPresse S.p.A. proiettata nel 2021 con nuovi progetti di rilievo internazionale: il fondatore e Presidente Marco Durante parla della quotazione a Wall Street entro l'anno prossimo e dell'apertura di 24 uffici di corrispondenza all'estero.

Marco Durante

LaPresse S.p.A., l'operazione di quotazione a Wall Street: il focus del Presidente Marco Durante

"Da due settimane abbiamo ripreso il piano di quotazione avviato nell'ottobre scorso. Avevamo bloccato il processo a causa del Covid, ma se ora tutto procede bene sbarcheremo a Wall Street nei primi mesi del 2021": l'annuncio di Marco Durante, fondatore e Presidente di LaPresse S.p.A., è del maggio scorso. L'emergenza sanitaria non ha fermato il processo di internazionalizzazione intrapreso ormai da anni, come conferma anche la serie di importanti accordi siglati a partire dal 2008 con Associated Press per la distribuzione esclusiva in Italia di foto, testi, video. L'ottica, come sottolineato in diverse occasioni proprio dal Presidente, è conferire a LaPresse S.p.A. una connotazione globale. Il piano prevede l'apertura di 24 uffici di corrispondenza, a Londra, Madrid, Dubai, Singapore e Sydney: "Alcune sono già operative, per precisione otto, nonostante l'emergenza Covid: Bruxelles ha cominciato ad aprile. E stanno già lavorando le sedi di Pechino, che per noi è estremamente importante in questo momento, di New York e di Londra". Marco Durante ha precisato inoltre come "nelle varie sedi avremo nostri fotografi, video-operatori e giornalisti che dirameranno le notizie dall'Italia, grazie ad AP, e sempre con l'agenzia che ci ospita diffonderemo tutto quanto riguarda quei Paesi".

Marco Durante alla guida di LaPresse S.p.A.: i progetti di crescita internazionale e l'editoria nel post-emergenza

LaPresse S.p.A. nasce nel 1994 su iniziativa di Marco Durante, già collaboratore della storica agenzia fotografica Publifoto Torino, e del fratello Massimo: oggi grazie a una serie di intuizioni lungimiranti, è diventato il più internazionale dei multimedia content provider italiani. Ha contribuito inoltre a ridisegnare il settore in Italia importando nuovi formati come quello delle videonews: "In pratica siamo diventati i primi, in Italia, ad avere teche video, oltre a quelle della Rai, e possediamo il più grande archivio di foto in Europa. E così forniamo i nostri contenuti a oltre il 90% del mercato editoriale e broadcast del Paese". L'intenzione attualmente è di potenziare ulteriormente la parte video "per rafforzare le nostre teche, che sono già le più ricche dopo quelle della Rai". Oggi l'ambito editoriale si trova a fare i conti con gli effetti dell'emergenza sanitaria sull'economia del Paese: "In questo settore, però il nostro mondo è quello che ha sofferto meno. Palazzo Chigi, tra l'altro, ha appena rinnovato, fino al 30 giugno 2021, l'accordo con le agenzie di stampa. Stiamo meglio dei giornali, anche perché, durante il lockdown, la gente si è abituata a informarsi su Internet, che è cresciuto tantissimo. E anche la pubblicità è andata meglio sul web". Ciò che occorre sottolineare secondo Marco Durante è come il Coronavirus abbia riportato al centro il valore dell'editoria dimostrando l'importanza di impegnarsi nel combattere contro fenomeni negativi come quello delle fake news: "Il Covid-19 ha invece premiato l'autorevolezza, marginalizzando tutto quello che sono social e influencer. Un'agenzia seria, in proposito, non può far circolare notizie prese dai social. E anche i nostri politici sbagliano nel puntare su questi circuiti. Ognuno deve prendersi le proprie responsabilità ed esporle pubblicamente".


Articoli correlati per categorie