Visualizzazione post con etichetta Gruppo Riva. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Gruppo Riva. Mostra tutti i post
mercoledì 17 giugno 2020
Gruppo Riva è leader in Italia nel settore siderurgico: in seguito alle riaperture del 4 maggio, ha ripreso le attività anche lo stabilimento di Riva Acciaio collocato a Lesegno.

Riva Acciaio, facente parte di Gruppo Riva, ha riaperto i battenti dello stabilimento di Lesegno: anche il Sindaco si è dichiarato soddisfatto per la ripresa di quello che rappresenta, di fatto, il cuore tecnologico dell'azienda e un polo produttivo fondamentale per il territorio.
Gruppo Riva

Gruppo Riva: la riapertura a Lesegno

Un'Italia riconosciuta a livello europeo per la qualità dei prodotti e la spinta imprenditoriale, che è ansiosa di ripartire: questo rappresenta Gruppo Riva. Lo stabilimento di Lesegno di Riva Acciaio, società controllata dalla capogruppo Riva Forni Elettrici, ha riaperto i battenti in seguito alla riduzione delle misure restrittive conseguenti all'emergenza sanitaria. Le nuove norme della Fase 2, in vigore dal 4 maggio, hanno permesso la riapertura dello stabilimento che rappresenta, di fatto, il polo produttivo tra i più importanti sul territorio. Il cuore tecnologico dell'azienda occupa oltre 300 persone: per garantire la sicurezza dei lavoratori, Gruppo Riva ha garantito la distanza di sicurezza, oltre ad effettuare quotidianamente la rilevazione della temperatura corporea a tutti i dipendenti interni ed esterni mediante il supporto della Croce Rossa e l'utilizzo di termoscanner. Per consentire la ripartenza del Paese, è essenziale riaprire le attività all'interno di cantieri edili e fabbriche, ma questa ripresa deve garantire tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei lavoratori e contenere la diffusione del virus. La salute e la formazione degli operatori è da sempre al centro dell'identità e dei valori aziendali di Gruppo Riva, che si contraddistingue per la specializzazione e il know-how dei suoi dipendenti.

Il successo di Gruppo Riva

Gruppo Riva rappresenta il principale operatore siderurgico italiano, riconosciuto nel settore anche a livello europeo. Fondato nel 1954, è storicamente specializzato nella realizzazione di prodotti "lunghi" con acciaierie ad arco elettrico. Nel 1956 Riva decide di passare alla produzione diretta dell'acciaio, avviando l'anno successivo il primo stabilimento a Caronno Pertusella. Gli anni '60 rappresentano un periodo fondamentale per la rinascita del settore siderurgico e sono segnati dalla nuova tecnica produttiva della colata continua. Il successo di Gruppo Riva si basa sull'innovazione, sulla ricerca e sviluppo, nonché sulle acquisizioni a livello europeo. Alla fine degli anni '60 l'azienda produce 300mila tonnellate di acciaio all'anno, basandosi su valori quali flessibilità, specializzazione e una struttura "orizzontale". Precursore nell'espansione commerciale delle miniacciaierie nel mondo, il Gruppo investe massicciamente su tecnologia, automazione e computerizzazione degli impianti. Oggi Gruppo Riva impiega circa 5.600 dipendenti e operai, dislocati in 21 siti produttivi in Italia, Francia, Germania, Belgio, Spagna e Canada.
venerdì 8 maggio 2020
Riva Acciaio è stata fondata nel 1954 dai fratelli Emiliano e Adriano Riva, che hanno intuito le potenzialità del settore nell’Italia del dopoguerra.

Con i cinque stabilimenti di Caronno Pertusella (VA), Lesegno (CN), Sellero, Malegno e Cerveno in Valle Camonica (BS), Riva Acciaio impiega oggi circa mille dipendenti. Grazie alle certificazioni ottenute e al continuo impegno nell'ambito della ricerca e sviluppo, l'azienda garantisce prodotti di alta qualità.
Riva Acciaio

Riva Acciaio, garanzia di qualità

Con oltre 60 anni di attività, Riva Acciaio si è guadagnata una posizione di leadership all'interno del panorama siderurgico italiano. Controllata dalla capogruppo Riva Forni Elettrici, conta oggi circa mille dipendenti e possiede cinque stabilimenti ubicati a Caronno Pertusella (VA), Lesegno (CN), Sellero, Malegno e Cerveno in Valle Camonica (BS). Qui la produzione interessa sia il mercato italiano che quello europeo. Certificati secondo le norme UNI EN ISO 9001, gli stabilimenti di Riva Acciaio garantiscono prodotti di qualità, innovazione ed affidabilità. L'analisi dei sistemi di gestione viene effettuata attraverso un costante e attento monitoraggio, per garantire che gli stakeholders siano sempre al centro delle politiche aziendali. Per migliorare sistematicamente le performance, gli stabilimenti sono certificati e sottoposti a verifiche di enti terzi ed indipendenti, che accertano la conformità della gestione degli impianti industriali. Gli stabilimenti di Lesegno, Caronno, Cerveno e Sellero possono operare secondo l'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), mentre quello di Malegno secondo l'Autorizzazione Unica Ambientale (AUA). Quest'ultimo inoltre, insieme al reparto per le lavorazioni a freddo dello stabilimento di Cerveno, ha ottenuto la certificazione IATF16949 per fornire il mercato dell'auto.

Riva Acciaio: la storia

Riva Acciaio è stata fondata nel 1954 in seno al Gruppo Riva: l'intuizione vincente è opera della lungimiranza e dello spirito imprenditoriale dei fratelli Emilio e Adriano Riva, che hanno intuito con anticipo le enormi potenzialità del settore siderurgico negli anni del dopoguerra. Negli oltre 60 anni di attività ed esperienza nel comparto, Riva Acciaio è diventata un attore principale per la realizzazione di prodotti lunghi e acciai di alta qualità. Gli investimenti in ricerca e sviluppo hanno portato l'azienda ad ottenere il primato per l'adozione nei suoi impianti della colata continua, ancora non sperimentata in Italia all'epoca. Oggi possiede un laboratorio all'avanguardia che ha sviluppato importanti collaborazioni con realtà di rilievo quali l'Università di Pisa, il Politecnico di Torino e il Politecnico di Milano. Nello stabilimento di Lesegno, il centro sfrutta le più recenti tecnologie come ad esempio il simulatore termomeccanico "Gleeble 3800". È grazie a queste attività che l'azienda garantisce costante sviluppo e innovazione.
martedì 31 marzo 2020
Nato da un’intuizione vincente di Emilio Riva, Gruppo Riva è oggi leader di settore in Italia e tra i maggiori attori europei nell’ambito siderurgico.

Attraverso le acquisizioni, la costante attenzione per l'innovazione, l'automazione, la sicurezza e la formazione dei dipendenti, Gruppo Riva si è fatto strada sul panorama italiano ed europeo diventando un punto di riferimento fondamentale per il settore siderurgico.
Gruppo Riva

Gruppo Riva: la nascita e i successi degli anni '60

Gruppo Riva nasce nel 1954 in seguito a un'intuizione vincente di Emilio Riva, sostenuto dal fratello Adriano. Oggi il Gruppo rappresenta il primo operatore siderurgico italiano ed è tra i principali attori a livello europeo. Storicamente specializzato nella realizzazione di prodotti "lunghi" con acciaierie ad arco elettrico, passa alla produzione diretta dell'acciaio nel 1956. L'anno successivo entra in funzione il primo stabilimento a Caronno Pertusella, vicino a Milano. L'impianto era già rivoluzionario: i maggiori forni dell'epoca in Italia avevano una capacità di 15 tonnellate mentre quello di Caronno arrivava a 25 tonnellate. Il settore riceve una spinta particolare negli anni '60: si tratta un periodo caratterizzato dalla nuova tecnica della colata continua, un grande successo anche per Gruppo Riva. Nello stesso arco temporale avvengono anche le prime rilevazioni: nel 1966 è fondamentale l'acquisizione delle Acciaierie e Ferrerie di Lesegno, in provincia di Cuneo. Alla fine degli anni '60 il Gruppo arriva a produrre 300 mila tonnellate di acciaio all'anno.

I successi di Gruppo Riva e i valori fondanti

Gli investimenti massicci a livello europeo coinvolgono in particolare Paesi come Germania, Francia e Belgio. Gruppo Riva è da considerarsi tra i pionieri dell'espansione commerciale delle miniacciaierie nel mondo. Il Gruppo dedica da sempre ampio spazio anche allo sviluppo delle nuove tecnologie, puntando sull'automazione del processo di colata e sugli impianti computerizzati. Nel 1981 la produzione viene diversificata attraverso l'acquisizione della società Officine e Fonderie Galtarossa (OFG) di Verona. Nel 1988 avviene invece l'acquisizione di COGEA, con il passaggio del consorzio a S.p.A. e con la definizione del nuovo nome "Acciaierie di Cornigliano". Nell'aprile del 1995 Gruppo Riva rileva dall'IRI la totalità del capitale di Ilva Laminati Piani. Con personale altamente specializzato, il Gruppo punta su valori quali la qualità dei prodotti, l'ecologia, la sicurezza sull'ambiente di lavoro. Attualmente l'attività impiega 5.600 dipendenti, dislocati su 21 siti produttivi in Italia, Francia, Germania, Belgio, Spagna e Canada.