Visualizzazione post con etichetta _Informatica_. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta _Informatica_. Mostra tutti i post
giovedì 21 dicembre 2017
Come cambierà Enel nei prossimi tre anni? Francesco Starace illustra il piano strategico del gruppo al Capital Markets Day 2017 di Londra soffermandosi su dividendi, investimenti, digitalizzazione e decarbonizzazione.

Capital Markets Day 2017: Francesco Starace presenta a Londra il piano strategico 2018-2020 di Enel

Francesco StaraceNel corso dell'incontro a Londra con gli analisti, Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel, ha illustrato il piano strategico 2018-2020 del gruppo, toccando importanti aspetti correlati agli obiettivi e alle previsioni per il triennio a venire. Innanzitutto la conferma per il 2018 e 2019 della politica dei dividendi con un pay-out del 70%, traguardo verosimile anche per il 2020. Da segnalare, in particolare, l'introduzione per l'esercizio 2018 di un dividendo minimo per azione di 0,28 euro, l'importo più elevato da molti anni a questa parte. Successivamente Francesco Starace si è soffermato sugli investimenti complessivi che saliranno a 24,6 miliardi di euro tra il 2018 e il 2020, in aumento di 500 milioni di euro rispetto al piano precedente. Tali Investimenti saranno accompagnati da una strategia di semplificazione degli asset proprietari relativamente alle controllate. Enel punta inoltre a incrementare nel prossimo triennio i consumi, concentrandosi sulla filosofia della "attenzione al cliente". I numeri parlano chiaro: nel 2020 l'Ebitda del gruppo dovrà far registrare un +32% rispetto al 2017, aumentando i volumi complessivi venduti di più del 30%. A trainare sarà soprattutto il settore retail del gas e dell'elettricità.
mercoledì 11 ottobre 2017
“Come usare la saggezza della folla?” è il titolo dell’approfondimento che Gabriele Moretti, ingegnere appassionato di informatica e sviluppo tecnologico, ha dedicato alla teoria sociologica.

Gabriele Moretti: la "saggezza della folla" porta a decisioni migliori

Gabriele MorettiL'ultimo contributo di Gabriele Moretti al blog "Diario di un futuro inventore" fonde le sue passioni per il management, le strategie di crescita aziendale e l'intelligenza artificiale. Il professionista riflette sul processo di decision-making, riprendendo la teoria sociologica della "saggezza della folla" secondo cui un grande gruppo di persone ha una capacità decisionale maggiore rispetto a quella di un piccolo gruppo, anche se possiede più competenze sul tema. Secondo alcune ricerche scientifiche, occorrono certe condizioni affinché questo si verifichi: indipendenza delle risposte, disomogeneità dei partecipanti e decentralizzazione, che il professionista ritiene "assolutamente frequenti e di semplice realizzazione". Ma come mai molte teste incompetenti sono più decisioniste di poche esperte? La differenza è nella "diversità": tanti individui con molteplici esperienze riescono ad accedere a un numero di informazioni maggiore e ad avvalersi di differenti schemi mentali e modelli interpretativi, fattori che inficiano positivamente sulla capacità decisionale. Come Gabriele Moretti evidenzia nel suo articolo, anche le moderne tecniche di intelligenza artificiale sembrano confermare questa teoria, poiché ricorrono all'uso contemporaneo di diversi modelli per ottenere risultati affidabili. Basti pensare a Linux, software "open source" al cui mantenimento contribuiscono migliaia di sviluppatori indipendenti. O ai motori di ricerca che calcolano il loro ranking a partire dai flussi di traffico degli utenti che ci hanno preceduto nella navigazione. Il manager mette in guardia però sulle conseguenze negative che potrebbero verificarsi nel caso venisse a mancare una delle suddette condizioni: "Pensiamo alle bolle e ai crack finanziari, generati dalla mancanza di indipendenza nella scelta degli investitori". Infine Gabriele Moretti si sofferma sulle potenzialità che queste tecniche, ancora poco esplorate, potrebbero avere in materia di gestione aziendale. Oggi infatti si preferisce puntare su piccoli gruppi di saggi per prendere decisioni relative all'azienda: riuscire a far partecipare tutti i dipendenti al processo decisionale potrebbe invece fare la vera differenza, perché in questo modo si arriverebbe a conoscere tutti quei dettagli di cui i board spesso non hanno contezza.

Manager: il profilo professionale di Gabriele Moretti

Appassionato di neuroscienze, fisica e futurologia, oltre che di strategia, management, data science e machine learning, Gabriele Moretti nasce a Torino nel 1971. Si laurea in Ingegneria Gestionale nel 1995, ottenendo l'abilitazione alla professione l'anno successivo. Nello stesso periodo dà vita a Contacta. Nel 2000 ottiene la nomina di Vicepresidente Ingegneri Gestionali, carica che ricoprirà fino al 2008. Per aggiornarsi, nel 2014 prende parte ai corsi The Analytics Edge e il Corso Big Data and Social Physics presso il MIT di Boston, grazie a cui perfeziona le proprie competenze in ambito informatico. Oggi Gabriele Moretti è consulente strategico e organizzativo per PMI: si occupa di intelligenza artificiale e delle sue potenzialità applicative nell'ottimizzazione dei processi operativi aziendali. Il manager è inoltre un cultore dell'arte moderna e contemporanea, dell'architettura e del design.
lunedì 31 ottobre 2016
AreALibera è la piattaforma creata da Nicola Orazzini, consulente aziendale, nel 2014 e dedicata ai pubblici amministratori locali, dove i professionisti vengono messi in contatto tra loro e con i cittadini.

Carriera e risultati professionali di Nicola Orazzini

Nicola Orazzini, Amministratore di L.M. Consult S.r.l.Professionista del settore finanziario, laureato in Economia e Commercio e Sociologia, Nicola Orazzini comincia ad operare all'interno di rinomati istituti bancari: la sua mansione iniziale è presso la filiale livornese del Credito Italiano, nella quale entra a far parte nel 1981 e dove trova occasione di sperimentare una notevole crescita professionale. Nel 1990, infatti, viene nominato Vice Direttore delle filiali poste a Piacenza e a Cagliari, mentre nel 1999 ottiene di ricoprire il ruolo di Direttore presso le sedi di Faenza, Prato e Firenze. Si tratta di esperienze altamente professionalizzanti, che gli consentono di sviluppare competenze tali da essere chiamato alla testa della Direzione Commerciale delle Aree Corporate per le Regioni Liguria e Sardegna, oltre a dirigere la Direzione Regionale dell'Area Corporate di Milano. Sono gli anni Duemila a portare una reale svolta nella carriera di Nicola Orazzini, il quale nel 2003 si trasferisce presso Unicredit Banca d'Impresa, dove svolge dapprima mansione di Direttore Generale Centro Sud e in seguito, di Vice Direttore Generale, diventando nel 2005 Direttore Generale di Unipol Banca S.p.A., uno tra i maggiori traguardi della sua carriera professionale. Lascerà l'incarico nel 2007 per divenire, l'anno successivo, Presidente del Consorzio Stabile Operae. Nel 2009 imbocca infine la strada imprenditoriale, dando vita a Orazzini & Associati S.r.l., ovvero una società che si occupa di fornire consulenza alle aziende per questioni relative ai processi di riorganizzazione e di turnaround. Sulla scia del successo di questa impresa, nel 2013 nasce L.M. Consult S.r.l., la cui assistenza si specializza nel rapporto con il sistema bancario per le Piccole e Medie Imprese.

Nicola Orazzini: sviluppo del progetto AreALibera

Nel 2014 Nicola Orazzini concepisce e realizza AreALibera, un social network di nuova concezione totalmente italiano, dedicato in particolare agli Amministratori Pubblici. L'applicativo realizzato dal manager ha lo scopo principale di mettere a disposizione una piazza virtuale dove i differenti Amministratori Pubblici possano presentare, condividere e discutere idee e proposte. Il funzionamento della piattaforma è sviluppato su due livelli, dove il primo si pone come luogo di discussione tra Amministratori Pubblici e privati cittadini, per dare occasione di trovare soluzioni a questioni di urgenza quotidiana relative alle realtà locali: sono possibili anche discussioni proposte da studenti e persone in cerca di occupazione, che non solo possono rivolgersi alla piattaforma per trovare opportunità professionali, ma sono inoltre in grado di approfondire gli aspetti burocratici relativi alle loro specifiche situazioni. Sul secondo livello, invece, i professionisti che operano nella Pubblica Amministrazione trovano spazio per le loro discussioni, con lo scopo di dibattere efficaci soluzioni per le problematiche e nel tentativo complementare di snellire l'iter burocratico. Il progetto di Nicola Orazzini ha preso il via all'interno della regione Toscana ottenendo molti consensi, sulla scia dei quali AreALibera si sta ora diffondendo sull'intero territorio nazionale.
Il ruolo di rilievo che la cyber security ricopre nel settore della difesa è al centro dell'intervento con cui Mauro Moretti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Leonardo - Finmeccanica S.p.A., ha inaugurato il "Cybertech Europe 2016", il forum internazionale che riunisce aziende e specialisti del campo della cibernetica e dell'informatica.

Cybertech Europe 2016: il discorso d'apertura di Mauro Moretti, AD di Leonardo - Finmeccanica S.p.A.

Mauro Moretti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Leonardo - FinmeccanicaCondivisione di prospettive, standard, risorse e obiettivi a livello internazionale per garantire cyber security, mai come ora che è in atto una "quarta rivoluzione industriale" così fondamentale. È il discorso con cui Mauro Moretti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Leonardo - Finmeccanica, ha ufficialmente dato il via al "Cybertech Europe 2016", il forum su soluzioni cibernetiche e tecnologie informatiche che riunisce aziende e personalità del settore provenienti da tutto il mondo. Dopo Singapore e Tel Aviv, quella inaugurata dal manager è stata la prima edizione della manifestazione svoltasi in una città europea, Roma: merito anche della collaborazione con il Gruppo italiano. In un contesto che vede il settore industriale interessato dalla crescente digitalizzazione dei processi di progettazione e produzione, l'Industria 4.0, la cyber security "rappresenta al tempo stesso una nuova esigenza e una possibile soluzione in vista dell'armonizzazione - ha spiegato il manager - I diversi Paesi hanno elaborato strategie specifiche, dotandosi di proprie strutture di governance e sviluppando diverse capacità difensive. Bisogna ricercare una maggiore coerenza organizzativa e operativa e coinvolgere l'industria della difesa per stabilire le future capacità". Anche perché la cyber security richiederà sempre più tecnologie e competenze nuove, rendendo necessarie la standardizzazione di norme che regolino la materia e la ridefinizione di forme di cooperazione e ripartizione dei costi. In tal senso obiettivo primario secondo Mauro Moretti è la definizione di una difesa comune europea: "La digitalizzazione consente la creazione di nuovo valore economico, occupazionale e sociale: è un processo che deve essere protetto e accompagnato da una strategia di cyber security specifica e aggiornata".

Mauro Moretti: il profilo professionale del CEO di Leonardo - Finmeccanica S.p.A.

Nato a Rimini nel 1953, Mauro Moretti comincia la sua carriera subito dopo essersi laureato con lode in Ingegneria Elettrotecnica all'Università di Bologna. Nel 1978 infatti vince un concorso pubblico per ruoli direttivi indetto dall'Azienda Autonoma Ferrovie dello Stato ricoprendo diversi incarichi al suo interno. Nel 1994 diventa AD di Metropolis, società del Gruppo FS, costituita tre anni prima con l'obiettivo di gestire il patrimonio immobiliare. Nel 2001 viene scelto per guidare Rete Ferroviaria Italiana ed entra nel Cda di FS. Cinque anni dopo viene nominato Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato. Sotto la sua guida il Gruppo riesce a raggiungere il primo risultato utile consolidato nella sua storia, grazie a una politica di razionalizzazione dei costi e di ammodernamento tecnologico. Non a caso il manager porta anche a compimento il progetto dell'Alta Velocità e lancia il Frecciarossa. Nel maggio 2014 viene chiamato a guidare Finmeccanica che, tramite un'operazione di rebranding da lui voluta, il 1° gennaio 2017 diventerà Leonardo. L'obiettivo del CEO è condurre l'azienda in un processo di totale riorganizzazione finalizzato a incrementarne la competitività sui mercati globali. Dal 2013 Mauro Moretti ricopre anche la carica di Presidente della Fondazione FS e dal 2015 quella di Presidente dell'ASD, l'Associazione europea delle industrie dell'Aerospazio e della Difesa.
lunedì 4 luglio 2016
Nicola Orazzini scommette su AreALibera e AreALavoro, i primi social in            Italia dedicati agli Amministratori Pubblici per metterli in collegamento tra loro e con i cittadini, agevolandone in tal modo la comunicazione.

Nicola Orazzini: carriera e attività del manager del settore consulenziale

Nicola Orazzini, Amministratore di L.M. Consult S.r.l.Professionista del settore consulenziale, Nicola Orazzini ha lavorato in alcune delle più importanti banche attive in Italia. La prima è Credito Italiano, all'interno della quale comincia il suo percorso professionale nel 1981 dopo aver conseguito la laurea in Economia e Commercio. Dalla filiale livornese, sua prima sede di lavoro, prende il via un brillante iter che lo porta tra il 1990 e il 1999 a ricoprire incarichi di responsabilità in altre agenzie: Vice Direttore a Cagliari e Piacenza e poi Direttore a Faenza, Prato e Firenze. Successivamente viene nominato a capo della Direzione Commerciale dell'Area Corporate per le regioni Liguria e Sardegna e della Direzione Regionale dell'Area Corporate di Milano. Il 2003 segna il passaggio a Unicredit Banca d'Impresa, dove diventa prima Direttore Regionale Centro Sud, poi Vicedirettore Generale. L'arrivo a Unipol Banca S.p.A. rappresenta una tappa fondamentale nella sua carriera: tra il 2005 e il 2007 ricopre importanti posizioni fino a quella di Direttore Generale. Nel 2008 arriva anche la nomina alla Presidenza del Consorzio Stabile Operae. Poco dopo, la svolta imprenditoriale: nel 2009 fonda Orazzini & Associati S.r.l., società che fornisce ad aziende consulenze per riorganizzazioni e turnaround. Ma l'avventura manageriale di Nicola Orazzini non si ferma qui: nel 2013 tocca a L.M. Consult S.r.l., specializzata nell'assistenza a Piccole e Medie Imprese nei rapporti con il sistema bancario.

I progetti di Nicola Orazzini: AreALibera e AreALavoro

L'intuito imprenditoriale di Nicola Orazzini non si ferma alle società che ha fondato in questi anni. Di recente ha anche sviluppato un progetto particolarmente innovativo: AreALibera, il primo social italiano che si propone di avvicinare cittadini e Amministratori Pubblici così che possano condividere idee e soluzioni su necessità e problematiche che riscontrano quotidianamente nel territorio in cui vivono. Da AreALibera, già sperimentato in alcune zone della Toscana, è nato anche AreALavoro, un altro applicativo che si pone come obiettivo quello di creare una rete di collegamento tra gli Amministratori Pubblici in modo che possano scambiarsi opinioni, iniziative o altre comunicazioni e agevolare così il funzionamento della burocrazia. Nicola Orazzini ha quindi deciso di investire su queste promettenti realtà che coniugano tecnologia e impegno civile.
martedì 28 giugno 2016
Il percorso professionale di Nicola Orazzini, Amministratore di L.M. Consult S.r.l. e Orazzini & Associati S.r.l. e ideatore di AreALibera, primo social civile italiano dedicato agli Amministratori Pubblici.
Quali sono le tipologie di odio che si sono diffuse in rete? Giovanni Ziccardi risale alla genesi di tali espressioni e ne parla in un articolo pubblicato su «Le Macchine Volanti», portale che ospita prestigiose firme quali quelle di Giuseppe Recchi, Domenico De Masi e Luca Castelli.

Le Macchine Volanti: la genesi e le conseguenze della diffusione dell'odio online

Le Macchine VolantiProfessore di Informatica Giuridica presso l'Università degli Studi di Milano, Giovanni Ziccardi ha sempre posto grande attenzione al tema dell'odio sul web. Recentemente è stato pubblicato su «Le Macchine Volanti», portale di Telecom Italia, società guidata dal Presidente Esecutivo Giuseppe Recchi, un articolo a sua firma che analizza le dinamiche di genesi e diffusione del fenomeno. Ziccardi parte dal concetto tradizionale di odio e lo declina attraverso una tripartizione. Si sofferma, in particolare, sulle espressioni in senso stretto e «interpersonali», a discapito di quelle di propaganda terroristica, evidenziandone le coordinate storiche e sociali e mettendo in luce le caratteristiche di differenziazione emerse con la rivoluzione digitale. La rete ha infatti contribuito all'amplificazione e alla persistenza di tali espressioni che, nei casi più gravi, possono sfociare in forme di razzismo, omofobia, cyberbullismo e cyberstalking. L'articolo si chiude con l'importanza di agire contro questo problema attraverso tre diversi aspetti: l'educazione, alla base di un corretto utilizzo del web; la tecnologia, fondamentale per la realizzazione di software in grado di bloccare e censurare tali espressioni, e il diritto.

Le Macchine Volanti: cultura digitale e innovazione tecnologica

Magazine di cultura digitale ideato da Telecom Italia, «Le Macchine Volanti» raccoglie contenuti approfonditi sul tema dell'innovazione tecnologica. Letteratura, tecnologia, economia, analisi del linguaggio e politica delle reti sono alcuni degli argomenti affrontati dal portale, che ospita firme autorevoli del web. L'obiettivo è infatti quelli di chiamare i più importanti esperti del settore a offrire il proprio contributo per dare una definizione della situazione digitale odierna, nei diversi ambiti di riferimento. Primo articolo pubblicato quello del Presidente Esecutivo Giuseppe Recchi, incentrato sull'evoluzione di internet e sul ruolo dell'infrastruttura tecnologica nella società contemporanea.
mercoledì 18 maggio 2016
La società KT & Partners, guidata da Kevin Tempestini, oltre alla sua attività consulenziale per quelle aziende che vogliono quotarsi in Borsa, realizza studi sull’indice AIM e sulle prospettive di crescita aziendali.

Valutazione positiva delle azioni Go Internet da parte di KT & Partners di Kevin Tempestini

Kevin Tempestini, Amministratore Delegato di KT & PartnersNonostante le prospettive di crescita per il 2016/2017, le azioni Go Internet continuano a essere sottovalutate in maniera immotivata: questo è il dato che emerge dai report stilati dalla società di Kevin Tempestini, KT & Partners, che offre servizi di consulenza finanziaria. Il target price individuato per l'azienda di servizi internet è di 3,61 Euro per azione, che consistono in un guadagno di 16,2 Euro per azione per ogni utente nel primo semestre del 2015. Anche se di valore inferiore rispetto al precedente anno, è destinato a una crescita nel 2016. La positività deriva da un'impennata nella crescita dei clienti dopo agosto e un aumento della qualità del servizio successiva all'accordo per la fornitura di base stations LTE con Huawei, che farà raggiungere i 100 Mb di velocità alle connessioni Go Internet. L'azienda ha comunicato una serie di nuovi finanziamenti per sviluppare la propria rete, allo scopo di valutare le opportunità di una potenziale crescita geografica. Tenuto conto di tutti questi fattori, KT & Partners ha espresso un giudizio molto positivo, date le alte prospettive di crescita dell'azienda Go Internet.

L'iter professionale di Kevin Tempestini

Nel 1988 Kevin Tempestini si laurea in Economia e Commercio col massimo dei voti, per poi frequentare il Kellog Graduate School of Management a Chicago, seguendo i corsi di Decision Making Strategies e International Marketing Strategies. A questi, si aggiunge The YPO/Harvard Presients' Seminar presso l'Harvard Business School di Boston. Nel 1986 Inizia a lavorare come analista finanziario alla Promofinan S.p.A. di Prato, assumendosi la responsabilità di analizzare finanziariamente aziende come Costa Crociere e Pirelli. Successivamente, collabora con Euromobiliare Sim S.p.A., fino ad essere nominato Senior Sales Representative e Co-Direttore nel 1991. Tre anni dopo, Kevin Tempestini si trasferisce a Londra per lavorare nella banca di investimenti Salomon Brothers, specializzata nell'analizzare il mercato azionario italiano. Nel 1998 ritorna in Italia, precisamente a Milano, ricoprendo i ruoli di Responsabile della Divisione Equities e di Amministratore Delegato del Gruppo Unicredit Italiano. Si occupa quindi di rifondare il gruppo per portare UBM al livello dei broker principali nelle classifiche di Research/Sales, posizionandola inoltre tra i leader nel segmento Star di Borsa Italiana. In questi anni, si occupa infatti di Borsa, coadiuvando la collocazione di Tod's, Luxottica, Coin, De Longhi, Toro Assicurazioni, Ferretti, Azimut, e.biscom, Cad It e Marcolin. Nel 2007 si occupa del processo di quotazione all'AIM di Burani Designer Holding e della rilevazione di otto società attive nei settori Italian Lifestyle e Food. Nel 2009, animato da spirito imprenditoriale, fonda la società KT & Partners, la quale offre servizi di consulenza rivolti a società che vogliono quotarsi in Borsa e anche per quelle già quotate.

Per ulteriori informazioni sulle attività professionali di Kevin Tempestini, consulta il suo profilo Slideshare.
venerdì 10 dicembre 2010
Antonino BrambillaPresentazione della pagina dedicata allo specialista sviluppatore di software Antonino Brambilla, che potrete trovare all'interno del portale http://www.corsiformazioneinformatica.it, incentrato sulla preparazione all'informatica tramite corsi specializzati di varie tipologie e organizzate in varie modalità di svolgimento.


All'interno del portale potrete trovare oltre ai corsi tenuti dal programmatore Antonino Brambilla, tanti altri corsi e videocorsi gratis o a pagamento da svolgere in sede o online da remoto e anche a domicilio.
Tutti i corsi riguardano in generale l'informatica e nello specifico sono presenti corsi e videocorsi su varie tematiche ed argomentazioni che ruotano intorno a questa disciplina.

Corsi di informatica tenuti da Antonino Brambilla

In particolare il corso di Antonino Brambilla si occupa principalmente delle fondamenta che stanno alla base dell'informatica, partendo addirittura dalle basi, per chi comincia ad intraprendere una professione in questo ambito o per coloro che semplicemnte vogliono fare il primo passo verso questa scienza che può sembrare ostica per certi aspetti, ma in realtà è semplice se si apprende poco per volta e con l'ausilio di esperti informatici proprio come Antonino Brambilla.

Nella pagina web dedicata ad Antonino Brambilla ed ospitata sul portale di corsi di formazione informatica, troverete riferimenti al sito personale del programmatore Brambilla ed inoltre link al blog di informatica che contiene tutte le lezioni gratuite fin'ora create da Antonino Brambilla stesso.

Blog di Antonino Brambilla

Vi abbiamo già presentato infatti il Blog di Antonino Brambilla, molto utile anche per l'interazione diretta con l'utente tramite commenti, consigli, domande e risposte che chiunque può rivolgere all'intera comunità o ad Antonino Brambilla stesso.
Le lezioni presentii nel blog sono completamente gratis e potrete cominciare per non fare confusione, dalla presentazione del corso in generale, per poi proseguire dal prmo capitolo 'Introduzione all'informatica' fino all'ultimo capitolo per ora pubblicato 'Dispositivi Periferici' e per continuare infine con i Software, argomento a cui Antonino Brambilla è molto legato proprio per la sua professione che è strettamente inerente.

Segui Antonino Brambilla sui Social networks

Infine siamo felici di annunciare anche l'apertura degli account Facebook, Linkedin e Twitter di Antonino Brambilla, docente e creatore dei corsi e lezioni presentati in questo comunicato:
Sul profilo personale Facebook, saranno presenti tutti gli aggiornamenti sulle risorse online dedicate ai corsi e alle lezioni online
Antonino Brambilla su Facebook


Sul profilo Linkedin saranno presentati i lavori, il curriculum vitae e tutto ciò ch può servire per conoscere al meglio la professionedi programmatore.
Antonino Brambilla su Linkedin


Sul Twitter invece sono postate le ultime news generiche sull'attività svolta e tutti gli aggiornamenti che lo coinvolgono in rete.
Antonino Brambilla su Twitter



Fonte comunicato su Antonino Brambilla


 Recensioni su Antonino Brambilla
martedì 28 settembre 2010
L'Informatica e l'algoritmo di Antonino Brambilla
Post n°2 pubblicato il 08 Giugno 2010 da brambillaantonino
Tag: algoritmo, antonino brambilla, informatica
Benvenuti al primo approccio all'informatica di base, spiegato da Antonino Brambilla software developer esperto di programmazione più in generale di Informatica.

http://blog.libero.it/brambillaict/8909591.html

La conoscenza del significato e di ciò che questa scienza rappresenta, è da qui che Antonino Brambilla ha deciso di sviluppare il proprio obiettivo, e cioè quello di diffondere l'informatica anche a chi non conosce proprio l'argomento in assoluto.
(Sito web di Antonino Brambilla)

Quindi il Brambilla vi indirizzerà in questo capitolo a seguire tutto ciò che l'informatica ci può insegnare partendo dalle basi

http://blog.libero.it/brambillaict/8919353.html

Antonino Brambilla spiega l'informatica:

L'informatica è la scienza che studia i metodi e gli strumenti per rappresentare ed elaborare informazione.

Il termine di Informatica deriva da una contrazione dei termini INFORmazione ed autoMATICA.



Rendere automatico il trattamento dell'informazione significa demandarlo ad una macchina; poichè una macchina non è consapevole dei risultati da ottenere e dei procedimenti necessari per ottenerli, il trattamento demandato ad essa deve essere internamente e dettagliatamente specificato.


La precisa specifica di un procedimento si chiama algoritmo; un algoritmo indica quali azioni devono essere eseguite per giungere ad un determinato risultato ed è composto di una serie di istruzionio comandi che specificano ciascuna di tali azioni.


Un algoritmo per poter essere eseguito in modo automatico, deve specificare le azioni in maniera completa (indicare tutto ciò che va fatto), univoca (senza ambiguità), e con un livello di dettaglio adeguato alle capacità dell'esecutore.


Per poi fare eseguire un'istruzione ad una macchina bisogna esprimere la soluzione in un linguaggio per lei comprensibile, quindi occorre scrivere un programma.
Un programma è un'insieme di istruzioni, che possono essere eseguite da una macchina, per portare a determinati risultati.


La programmazione è l'attività di trasformare algoritmi in programmi.
Il linguaggio di programmazione è un linguaggio in cui si possono scrivere programmi.
Ogni linguaggio può essere interpretato solo dalla macchina in grado di comprendelo.


Una caratteristica fondamentale di un algoritmo è risuscire a portare a termine un risultato con meno lavoro possibile, così poi viene calcolato una sorta di livello di efficienza.


Un algoritmo si dice "Direttamente eseguibile" quando l'esecutore è capace di interpretare ed eseguire le istruzioni che lo compongono.



- Un algoritmo è formato da un insieme finito di istruzioni
- L'esecuzione avviene in modo deterministico (non dipende dal caso o probabilità) e quindi ripetibile (con gli stessi dati si ottengono sempre gli stessi risultati
- L'esecutore di un algoritmo è dotato di memoria
- La validità di un algoritmo non dipende dalla dimensione dei dati trattati.
- Un algoritmo può dar luogo a elaborazioni infinite.



Inizia il corso di Informatica scritto da Antonino Brambilla
http://blog.libero.it/brambillaict/

Tutte le info su Antonino Brambilla programmatore
http://www.antoninobrambilla.eu
domenica 4 luglio 2010
Antonino brambilla è fiero di divulgare la sua conoscenza dell'informatica a favore di tutti gli utenti, tramite il suo nuovissimo blog che tratta proprio argomenti relativi al mondo ICT (Information and Communication Technology).

Il blog di informatica scritto e gestito da Antonino Brambilla, vi sarà molto utile per impadronirvi a 360 gradi dell'informatica in generale, ed approfondire aspetti e caratteristiche più specifiche sempre riguardanti il mondo dell'ICT.

Antonino Brambilla ha scelto di rendere il suo blog interattivo, infatti chiunque può partecipare, postando commenti, pubblicando idee, dando consigli e in qualunque modo si possa riuscire a creare una vera e propria community che ci si aiuti nello studio dei questa innovativa scienza non solo attuale ma anche dell'avvenire!

Attualmente Antonino Brambilla oltre alle varie presentazioni del corso e dopo aver trattato argomenti quali:
Introduzione all'informatica
L'Elaboratore elettronico
- La Struttura Generale
- La Memoria Interna
- L'unità Centrale
- Dispositivi Periferici
si accince a spiegare Il Software, un argomento che sta molto a cuore al nostro amico Brambilla, vista la sua professione lavorativa come software developer.

Antonino Brambilla spiegherà ogni aspetto fondamentale per il software, dal software di sistema, al sistema operativo, alla gestione dei processi e dei processori, la gestione della memoria, la gestione dei lavori, delle periferiche, degli archivi, l'interfaccia del sistema con l'utente, gli esempi di sistemi operativi esistenti e tanto altro ancora.

Quindi non attendete ancora!!! Venite a trovare Antonino Brambilla scrittore e gestore del blog ed interagite con gli altri utenti per ampliare le vostre conoscenze nella maniera più opportuna!



Conoscerete tutto il profilo professionale del software developer Antonino Brambilla, nel proprio sito internet in cui troverete anche il curriculum vitae ed informazioni necessarie a conoscere e contattare Antonino Brambilla.
giovedì 1 luglio 2010