Visualizzazione post con etichetta pietro colucci. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta pietro colucci. Mostra tutti i post
lunedì 24 ottobre 2016
Pietro Colucci dedica buona parte della carriera professionale al settore dell'efficientamento energetico grazie alle attività delle sue aziende. Recentemente ha espresso la propria opinione riguardo al nuovo decreto sulle FER non fotovoltaiche.
Pietro Colucci, Amministratore Delegato del Gruppo Waste Italia

Iter professionale di Pietro Colucci

Laureato in Economia e Commercio, Pietro Colucci inizia a lavorare presso l'azienda di famiglia in giovane età, avvicinandosi fin da subito a temi inerenti ai servizi ambientali. Nel 2000 avviene la svolta imprenditoriale quando rileva la succursale italiana di Waste Management Inc., azienda americana leader nei servizi ambientali e di trattamento rifiuti. Dall'acquisizione nasce il Gruppo Unendo che vedrà in seguito allargare il proprio business allo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili. Nel 2008, dopo aver rilevato la società Schiapparelli 1824, Pietro Colucci assume la carica di Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Kinexia. Nel 2015 Kinexia cambia nome in Gruppo Waste Italia, concentrando il proprio business attorno al settore ambientale e lasciando alla controllata Innovatec S.p.A. il comparto inerente all'efficientamento energetico. L'attività di Innovatec consiste nel fornire servizi tecnologici e innovativi finalizzati alla gestione, produzione e distribuzione di energia, sviluppando l'idea di Smart Grid e Smart Home. Si tratta di sistemi sviluppati ad hoc ed interconnessi fra loro per consentire lo scambio regolato di energia pulita fra privati (sia in ambito domestico che aziendale), garantendo un aumento dell'efficienza energetica con una conseguente riduzione delle emissioni e dei consumi.

Le considerazioni di Pietro Colucci riguardo al decreto sulle FER non fotovoltaiche

Recentemente Pietro Colucci ha espresso la sua opinione riguardo il nuovo decreto sugli incentivi alle FER non fotovoltaiche, dichiarato come conforme alle norme UE inerenti agli aiuti di Stato. Dopo più di un anno viene quindi disciplinata l'incentivazione a produrre energia elettrica ricavata da fonti rinnovabili non fotovoltaiche. L'imprenditore ritiene che la legge non impatterà a sufficienza il settore delle rinnovabili a causa della limitata valenza nel tempo: infatti l'accesso agli incentivi scadrà il 1° dicembre 2016 o al raggiungimento del costo indicativo annuo medio degli incentivi pari a 5,8 miliardi di Euro. Gli incentivi sono destinati ad agevolare impianti di piccola taglia: impianti a biomassa fino a 200 kW, impianti idroelettrici fino a 250 kW, fino a 100 kW per quelli a biogas, termodinamico di potenza fino a 100 kW, fino a 60 kW per impianti a mareomotore, solare ed eolico. Per quanto riguarda impianti di taglia più grande sono previsti registri e aste alquanto limitanti, mentre rimangono completamente esclusi dagli incentivi impianti superiori ai 5 MW. Per quanto concerne le novità introdotte dal decreto, verranno disposti unicamente due bandi, uno per le aste e uno per i registri, e dovranno essere pubblicate dal GSE entro il 20 luglio 2016. Pietro Colucci comunica anche la correzione effettuata all'errore presente al comma 2 dell'articolo 27, imprecisione che avrebbe bloccato il nuovo sistema sul nascere.
martedì 28 giugno 2016
Ottimizzazione dell’impiego dell’energia in ambito aziendale: è questo lo scopo per cui nasce Intellit3c, da un accordo tra Innovatec, presieduta da Pietro Colucci, e Artax Consulting Group.

Pietro Colucci, Presidente di Innovatec

Artax Consulting Group e Innovatec S.p.A., guidata da Pietro Colucci, creano la startup Intelli3C

La startup Intelli3C nasce dalla compartecipazione aziendale tra Artax Consulting Group e Innovatec S.p.A., guidata da Pietro Colucci: si è andata a costituire una realtà innovativa, attiva nel settore dei servizi di gestione dell'energia per quelle aziende che necessitano di una figura specializzata, diventata al giorno d'oggi fondamentale. Unendo le competenze di Innovatec nell'ambito dell'efficienza energetica e l'attenzione riservata da Artax Consulting Group ai clienti nel comparto commerciale, Intelli3C è in grado di proporre un servizio innovativo, grazie a una profonda conoscenza dei comparti in cui è attiva e un'alta qualità dei servizi. L'offerta di Intelli3c si rivolge ad aziende italiane di qualsiasi dimensione, mettendole nelle condizioni di gestire le modalità di acquisto, autoproduzione, impiego e consumo dell'energia, con una panoramica sui vari finanziamenti e incentivi disponibili. Intelli3c vuole che le aziende acquisiscano consapevolezza nell'uso responsabile durante il ciclo di produzione dell'energia, in modo che possano risparmiare sui costi: per fare questo, si segue il modello di intelligenza collettiva, ovvero clienti, fornitori e partner cooperano sinergicamente, al fine di creare una rete di informazioni condivise sul cloud. Intelli3c si avvale inoltre di giovani ingegneri specializzati nel settore dell'efficienza energetica e professionisti in campo economico e della comunicazione.

L'iter professionale di Pietro Colucci

Nato a Napoli nel 1960, Pietro Colucci ha una laurea in Economia e Commercio e ha iniziato poco più che ventenne il suo percorso lavorativo nell'azienda di famiglia, attiva nel settore dei servizi ambientali. Nel 2000 viene acquisita la succursale italiana di Waste Management Inc., società con sede negli USA e leader nel comparto ambientale in Italia, dopodiché viene costituito il Gruppo Unendo. Due anni più tardi, il core business della società si allarga al mercato delle fonti d'energia rinnovabili. Nel 2006 Pietro Colucci viene nominato Vice Presidente di FISE (Federazione Italiana Servizi, facente parte di Confindustria) e Presidente di Assoambiente. Nel 2008 entra in Kinexia con il ruolo di Presidente e Amministratore Delegato, dopo la rilevazione della società Schiapparelli 1824, facendo il suo ingresso nel mercato della produzione di energia da fonti rinnovabili. Innovatec S.p.A. nasce nel 2013, sotto la presidenza di Pietro Colucci, occupandosi principalmente di efficientamento energetico. In seguito, Kinexia cambia nome in Gruppo Waste Italia nel 2015, operando esclusivamente nel settore ambientale. Il settore energetico è controllato da Innovatec.
Per rimanere aggiornato sulle attività lavorative del manager Pietro Colucci, visita il suo profilo Xing.
mercoledì 6 aprile 2016
Pietro Colucci, in qualità di imprenditore, si occupa del trattamento ecologico di rifiuti industriali tramite il Gruppo Waste Italia e di efficientamento energetico con Innovatec S.p.A.

Il futuro delle città e il punto sull'efficientamento energetico secondo Pietro Colucci

Pietro Colucci, Presidente del Gruppo Waste ItaliaLo scorso anno, durante la Conferenza sul Clima di Parigi, è stato messo in evidenza quanto siano ancora esigui gli impegni che i governi di tutto il mondo si sono assunti in merito ai cambiamenti climatici. Ma fortunatamente si hanno anche molti progetti innovativi, che possono ispirarne di nuovi: in Italia vi sono aziende attive in produzione di compost, nel costruire case "passive" o nell'offrire servizi di facility management connessi al trattamento ecologico dei rifiuti, che è anche il business model del Gruppo Waste Italia, guidato da Pietro Colucci. Dal 2014 vi è l'obbligo di approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili negli edifici di nuova costruzione, ma molte Regioni non si sono ancora adeguate, perché sprovviste di una normativa apposita. Pietro Colucci, Presidente anche di Innovatec S.p.A., evidenzia che "a parte il Nord, il resto dell'Italia non riesce ad adeguarsi perché mancano le leggi in merito, impedendo così il diffondersi dell'utilizzo di fonti rinnovabili". Colucci aggiunge che "la riqualificazione energetica dei fabbricati già esistenti costituisce una grande occasione di rilancio della quale necessita il settore e si avrebbero anche molti vantaggi, a partire dall'incremento della qualità edilizia, che ci allineerebbe ai Paesi del Nord Europa." Dobbiamo cominciare a entrare nell'ottica che le città del futuro saranno concepite come ambienti capaci di adattarsi, "ipernaturali", caratterizzate da architetture bio mimetiche, in grado di sfruttare e riprodurre i processi biologici.

La carriera da imprenditore di Pietro Colucci

Classe 1960, Pietro Colucci nasce a Napoli e si laurea in Economia e Commercio, iniziando il suo percorso imprenditoriale a 22 anni nell'azienda di famiglia, attiva nel comparto della fornitura di servizi ambientali. Nel 2000 viene lanciata l'acquisizione della divisione italiana di Waste Management Inc., azienda statunitense leader nel settore ambientale nella nostra penisola, dando vita così al Gruppo Unendo. Due anni dopo, l'attività si espande anche nel mercato delle fonti energetiche rinnovabili. Pietro Colucci assume nel 2006 la carica di Presidente di Assoambiente e Vice Presidente di FISE (Federazione Italiana Servizi, facente parte di Confindustria). Nel 2008 diviene Presidente e AD di Kinexia, dopo aver rilevato la Schiapparelli 1824 S.p.a., entrando così nel settore della produzione di energia da fonti naturali. Nel 2013, nasce Innovatec S.p.A., di cui Pietro Colucci è Presidente, ampliando il business nel campo dell'efficientamento energetico. Kinexia ingloba poi il Gruppo Sostenya e nel 2015 cambia nome in Gruppo Waste Italia, mantenendo il core business nel comparto ambientale.
Per ulteriori informazioni sull'iter professionale di Pietro Colucci, visita il suo profilo su Executive Manager.
martedì 19 gennaio 2016
La carriera professionale dell’imprenditore Pietro Colucci, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Waste Italia, attivo nel settore dei servizi ambientali

Il percorso professionale di Pietro Colucci

Pietro Colucci, Presidente e CEO del Gruppo Waste Italia e Presidente di InnovatecPietro Colucci, nato a Napoli nel 1960, è l'attuale Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Waste Italia. Dopo la laurea in Economia e Commercio presso l'Università degli Studi di Napoli, nel 1982, all'età di 22 anni, prende il comando della società di famiglia, attiva nel settore dei servizi ambientali. Grazie alle sue capacità e al suo impegno, l'azienda attraversa un periodo di importante crescita. Nel 2000 Pietro Colucci è tra i protagonisti dell'acquisizione del settore italiano della multinazionale americana Waste Management, società attiva nel settore dei rifiuti. In parallelo alle sue attività manageriali, dal 2006 al 2011, viene nominato Presidente di Assoambiente. Nel 2008 l'imprenditore acquisisce una seconda società, la Schiapparelli 1824 Spa, azienda quotata in Borsa operativa nel settore cosmetico e nutrizionale. Il manager avvia la conversione del business, favorendone la specializzazione nel comparto delle energie rinnovabili e rinominandola Kinexia Spa.
Successivamente, nel 2011, fonda il Gruppo Sostenya, holding al cui interno sono presenti società che operano nel settore delle energie rinnovabili, dei servizi ambientali e dei rifiuti speciali non pericolosi. Nel 2013, tramite Kinexia, acquisisce la quota di maggioranza di Innovatec, società attiva nel comparto della produzione, gestione e distribuzione dell'energia rinnovabile e promotrice del Progetto Smart. Attualmente Pietro Colucci riveste la carica di Presidente e CEO del Gruppo Waste Italia e di Presidente di Innovatec.

Il Gruppo Waste Italia a sostegno dell'evento Terra Madre Giovani - WeFeed The Planet

Il Gruppo Waste Italia (già Kinexia), guidato da Pietro Colucci e da sempre attento ai valori di responsabilità sociale e ambientale, è stato tra gli sponsor che hanno sostenuto l'evento Terra Madre Giovani - WeFeed The Planet. La manifestazione, organizzata da Slow Food, Slow Food Youth e Fondazione Terra Madre, ha riunito a Milano migliaia di attori under 40 della filiera alimentare: giovani agricoltori, contadini, pescatori e studenti hanno discusso sulla creazione di un sistema alimentare sostenibile, che garantisca a tutti il diritto di accedere ad un cibo buono, giusto e pulito. Grande spazio è stato riservato agli Small Scale Producers: piccoli produttori alimentari, agricoltori familiari, esponenti delle comunità del cibo che, svolgendo la loro attività con responsabilità, dignità e passione, nutrono ogni giorno il pianeta.

Per avere maggiori informazioni sulle sue attività all'interno del Gruppo Waste Italia e di Innovatec, visita il profilo Slideshare di Pietro Colucci.
venerdì 19 giugno 2015
Kinexia si impegna dal 2008 alla diffusione di un approccio nuovo alla crescita economica basata sulla gestione delle risorse naturali e sociali. Si prefigge di rappresentare un punto di riferimento per le realtà che desiderano avvicinarsi alle energie rinnovabili, ponendo attenzione all’impatto ambientale

Kinexia S.p.A. è una società attiva nel settore dell'ambiente e delle energie rinnovabili dal 2008. L'iniziativa parte dall'attuale Presidente e Amministratore Delegato Pietro Colucci e la realtà cresce tra il 2011 e il 2014, anni in cui nascono la Holding Sostenya e il Gruppo Kinexia, frutto della fusione tra Kinexia e Sostenya.
Kinexia

Storia di Kinexia

Kinexia S.p.A. nasce nel 2008 grazie all'acquisizione di Schiapparelli S.p.A., società esistente dal 1824 nel settore farmaceutico e cosmetico/nutrizionale, da parte di Pietro Colucci, attuale Presidente e Amministratore Delegato. La direzione presa dal nuovo assetto è quella delle energie rinnovabili e dei servizi ambientali, non fermandosi alla dimensione singola, bensì coinvolgendo ulteriori realtà. Nel 2011 infatti prende vita la Holding Sostenya, di cui Kinexia fa parte insieme alla società Waste Italia, creando così un gruppo industriale capace di fornire servizi integrati nel comparto sia delle energie rinnovabili, sia del settore ambientale. Tre anni più tardi avviene la fusione tra Kinexia e Sostenya, generando così il Gruppo Kinexia, il quale comprende realtà operanti nel settore delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica, delle smart grids, della gestione dell'energia a scala di comunità e di gestione integrata dei rifiuti non pericolosi al fine di recuperare i materiali.

Kinexia e la sua mission

La mission di Kinexia si basa sul concetto di Environmentality, ovvero un approccio di carattere innovativo e improntato alla crescita economica alle risorse naturali e sociali. Per fare questo promuove la transizione allo status di "impatto zero" delle comunità, puntando all'integrazione delle attività del settore ambientale e delle energie rinnovabili. Importante in questo senso diventa l'applicazione di innovazione e ricerca al business, in modo da orientare il mercato ad un nuovo modello di sviluppo sostenibile. In quanto Gruppo integrato e diversificato, Kinexia vuole porsi come punto di riferimento per operare nel contesto di una sostenibilità consapevole e responsabile: le sue caratteristiche principali sono l'essere verde, socialmente impegnata, internazionale e tecnologicamente evoluta. L'impegno, inoltre, è sempre rivolto anche all'interno della società, dove onestà e correttezza, oltre a responsabilità e sostenibilità rappresentano le parole d'ordine del Gruppo nei confronti del personale.
Per maggiori informazioni su Kinexia, visita il profilo H2Biz della società.
venerdì 20 marzo 2015
Pietro Colucci, noto imprenditore all’interno del settore ambientale italiano, e la partecipazione al seminario di settore promosso da The Ruling Companies

La biografia professionale dell'imprenditore italiano Pietro Colucci, caratterizzata da importanti incarichi e dalla partecipazione come relatore a convegni di settore.

Pietro Colucci, Presidente e CEO di Kinexia

Il profilo imprenditoriale di Pietro Colucci

Pietro Colucci, classe 1960, frequenta e conclude con successo il corso di studi in Economia e Commercio, al termine del quale avvia il proprio percorso professionale all'interno della società di famiglia, attiva nel settore dei servizi ambientali, della quale otterrà in seguito la completa gestione. Negli anni in cui è posto a capo dell'azienda, ha l'occasione di specializzarsi all'interno del comparto e di ampliare le proprie competenze, giungendo nel 2000 a guidare l'importante acquisizione della divisione italiana del gruppo americano Waste Management Inc., oltre ad occuparsi in prima persona di tutte le diverse procedure per concludere l'avvio del gruppo Unendo, di cui sarà successivamente nominato Amministratore Delegato. L'azienda in poco tempo diviene una delle principali società operanti su tutto il territorio nazionale italiano nel settore ambientale, sia dal punto di vista del fatturato sia per quanto riguarda il numero di dipendenti impegnati al suo interno. La profonda conoscenza del comparto porta l'imprenditore alla decisione di espandere le proprie attività: nel 2002 inizia così ad operare anche all'interno del settore della produzione di energia elettrica derivante da fonti rinnovabili, riuscendo a cogliere in anticipo rispetto a tutti i concorrenti lo stretto legame che intercorre tra produzione energetica e servizi ambientali. Nel 2006 viene scelto come nuovo Presidente dell'associazione Assoambiente, come Presidente e Amministratore Delegato di Sostenya e Kinexia, come Presidente di Waste Italia e co-fondatore della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, con la collaborazione di un ulteriore socio fondatore, l'ex Ministro dell'Ambiente Edo Ronchi. Attualmente è Presidente del Gruppo Kinexia.


Interventi e convegni dell'imprenditore Pietro Colucci

Grazie alla grande esperienza acquisita nel tempo, Pietro Colucci è spesso chiamato a partecipare ai principali convegni ed eventi legati al settore ambientale e delle energie rinnovabili, nei quali ricopre il ruolo di relatore. Tra le più recenti si segnala la partecipazione al seminario "Winter Seminar on Economic Perspectives", dove l'imprenditore ha discusso delle tematiche inerenti alla sostanziale diminuzione del prezzo del petrolio a livello mondiale e delle possibili conseguenze che ne deriveranno, oltre che a trattare del futuro della moneta unica europea, giunta ad un punto di svolta nel panorama europeo.

Per maggiori informazioni relative alla carriera e alle conferenze di Pietro Colucci, visita il blog dell'imprenditore.
mercoledì 18 marzo 2015

I principali traguardi raggiunti dall'imprenditore Pietro Colucci nel settore delle energie rinnovabili e l'intervista rilasciata alla rivista Nuova Finanza.

Pietro Colucci, Presidente e CEO di Kinexia

La biografia dell'imprenditore Pietro Colucci

Dopo aver conseguito una Laurea in Economia e Commercio, Pietro Colucci inizia a guidare l'azienda di famiglia attiva nel settore dei servizi ambientali, avviando un percorso di crescita nel tempo grazie ad importanti investimenti all'interno del comparto. Nel 2000 è protagonista dell'acquisizione di Waste Management, importante azienda statunitense, in seguito alla quale nasce il Gruppo Unendo, di cui è nominato Amministratore Delegato. L'imprenditore espande le proprie attività al settore della produzione energetica da fonti rinnovabili e, nel 2006 riceve la nomina a Presidente di Assoambiente, incarico ricoperto sino al 2011. Nel 2008 rileva Schiapparelli 1824 S.p.a., modificandone il nome in Kinexia e affacciandosi all'interno del mercato dei capitali con la quotazione in Borsa. Nel 2011 nasce il Gruppo Sostenya, il quale comprende al suo interno le aziende attive nel settore delle energie rinnovabili, dei servizi ambientali e dei rifiuti speciali non pericolosi. Attualmente l'imprenditore ricopre gli incarichi di Presidente ed Amministratore Delegato di Kinexia. Nel 2011 contribuisce inoltre alla stesura del Manifesto per lo Sviluppo Sostenibile dell'Italia, il quale è stato sottoscritto dalla totalità delle Associazioni nazionali attive nel settore della Green Economy, da persone singole e da importanti rappresentanti d'impresa.


L'intervista rilasciata da Pietro Colucci alla rivista Nuova Finanza

Pietro Colucci, nel corso del tempo, si è configurato come uno dei principali esperti all'interno del settore ambientale e delle energie rinnovabili e, per questo motivo, è sempre presente ai maggiori convegni o eventi di settore ed intervistato dalle principali riviste dedicate. In un dialogo con la rivista Nuova Finanza, nel mese di febbraio 2015, l'imprenditore ha trattato il tema degli investimenti all'interno del settore della tutela ambientale durante i periodi di crisi come quello in atto in questo periodo, l'accordo internazionale relativo agli obiettivi climatici da raggiungere entro il 2030 e il nuovo strumento utilizzato da alcune aziende appartenenti al settore della Green Economy, ovvero quello dei Green Bond, già emessi da Innovatec.

Per maggiori informazioni relative alla carriera di Pietro Colucci e per visualizzare l'intervista completa, visita il blog dell'imprenditore.

martedì 17 febbraio 2015
Pietro Colucci è uno dei maggiori manager operanti nel settore delle energie rinnovabili e della sostenibilità ambientale presenti su tutto il territorio nazionale italiano.


Pietro Colucci e l'esperienza professionale in Innovatec

Pietro Colucci riveste i ruoli di Presidente ed Amministratore Delegato di Kinexia, Presidente di Innovatec e azionista di riferimento di Waste Italia. Innovatec è la società appartenente al gruppo Kinexia operante nel settore delle energie rinnovabili, in grado di offrire al mercato alcune delle soluzioni all'avanguardia dal punto di vista tecnologico per quanto riguarda la produzione, la gestione e la distribuzione dell'energia. Uno dei principali fronti sui quali è impegnata l'azienda è quello della creazione di una "Smart Grid", una vera e propria comunità composta da piccoli produttori e consumatori indipendenti di energia, i quali siano in grado di autoregolarsi internamente riguardo le politiche di scambio di energia. Le soluzioni proposte consentono di aumentare l'efficienza energetica, con una conseguente riduzione dei consumi, tramite l'utilizzo di apposite reti intelligenti. Uno dei punti cardine di tutto l'operato aziendale risiede nel valore della sostenibilità e dello sviluppo sostenibile, creando un equilibrio tra l'uso delle risorse naturali e lo sviluppo economico. Per questo l'azienda investe molte risorse nella ricerca e nello sviluppo di soluzioni sempre più efficaci per preservare tutti i territori in cui sono situati gli impianti e le persone che vivono in questi territori.


Pietro Colucci inserito nel libro "Green Economy 2.0"

Il profilo di Pietro Colucci e dell'azienda di cui è attualmente alla guida, Innovatec, sono stati inseriti all'interno del libro "Green Economy 2.0", l'opera prodotta in collaborazione da Vedogreen e dalla giornalista Laura Magna, dedicato alle eccellenze italiane operanti all'interno del cosiddetto settore green. L'argomento centrale di questo libro è l'eco sostenibilità ambientale e gli sforzi che le aziende italiane da anni portano avanti per affermarsi in campo nazionale ed internazionale, grazie ad ingenti investimenti in tecnologia verde ed innovazione.

Per maggiori informazioni relative alla carriera e alle attività del manager Pietro Colucci visita il suo profilo professionale.
mercoledì 24 dicembre 2014
L’evento Qualenergia e la partecipazione del manager Pietro Colucci, Presidente di Waste Italia, Kinexia e Sostenya

Il profilo imprenditoriale di Pietro Colucci

In seguito alla laurea in economia e commercio, Pietro Colucci inizia il proprio percorso professionale nel settore dei servizi ambientali, presso l'azienda di famiglia. Con il passare degli anni acquisisce sempre maggiore esperienza in questo campo, ricoprendo progressivamente incarichi di importanza sempre crescente. Nel 2002 viene infatti scelto come Vicepresidente dell'associazione Assoambiente, l'associazione aderente a Confindustria e impegnata a rappresentare a livello nazionale e comunitario le imprese private che gestiscono servizi ambientali, e Presidente nel 2006. Nel 2011 è il protagonista della nascita del gruppo Sostenya, holding in cui a Kinexia vengono affiancate le attività relative ai servizi ambientali, tra cui Waste Italia. Attualmente ricopre gli incarichi di Presidente del Gruppo Kinexia, a seguito della fusione di Sostenya in Kinexia.


La partecipazione di Pietro Colucci al VII Forum Qualenergia

Pietro Colucci, uno dei maggiori esponenti del settore ambientale italiano, partecipa ad eventi e conferenze di settore; recentemente è stato protagonista del VII Forum Qualenergia, nel corso del quale ha affrontato il difficile tema legato alla crisi finanziaria e le possibilità che il settore green è in grado di offrire per fornire un prezioso aiuto all'uscita da questa crisi globale. Nello specifico ha portato l'esempio di Innovatec, azienda che da tempo ha avviato un programma di autosostentamento, riducendo così notevolmente la dipendenza dagli incentivi statali, tramite investimenti nel campo dell'innovazione tecnologica.

Per maggiori informazioni sulla carriera e sulle partecipazioni del manager Pietro Colucci visita il seguente link: http://pietrocolucci.myblog.it/2014/12/16/lintervento-pietro-colucci-al-forum-qualenergia/
lunedì 1 dicembre 2014
Pietro Colucci, AD del Gruppo Kinexia è intervenuto agli Stati Generali 2014, durante i quali si sono affrontate tematiche inerenti alla sostenibilità ambientale

Pietro Colucci, AD di Kinexia, è stato tra i relatori degli Stati Generali 2014 della Green Economy, durante i quali ha sottolineato l'importanza dell'innovazione come strumento per aumentare la competitività di un'azienda.

Stati Generali della Green Economy: intervento di Pietro Colucci

Il 5 - 6 novembre 2014, in occasione di Ecomondo - Key Energy, si è tenuta la III edizione degli Stati Generali della Green Economy. Concepito come luogo di confronto per gli stakeholder dell'economia verde italiana e formato da 67 diverse organizzazioni, l'evento è promosso dal Consiglio Nazionale della green economy in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico.
All'interno del forum degli Stati Generali sono intervenuti 106 relatori provenienti dal mondo delle imprese, della ricerca e dell'associazionismo tra i quali Pietro Colucci, Amministratore Delegato e Presidente del Gruppo Kinexia. I relatori hanno delineato le tappe dell'orientamento "green" dell'economia italiana, identificato come soluzione sostenibile alla crisi economica e a quella climatica. Questa posizione è condivisa anche dallo stesso Colucci, il quale ritiene il settore green un comparto ricco di potenzialità, cresciuto enormemente negli ultimi anni ma tuttora in crescita. Il rapporto Green Italy 2014 di Unioncamere e Fondazione Symbola evidenzia la rilevanza del "green" nell'economia italiana. Ad oggi sono ben 3 milioni gli occupati nel settore e la crescita di questo business fa prevedere centinaia di migliaia di prossime assunzioni nei comparti industriali ecosostenibili. A tal proposito, alcune delle tematiche ambientali affrontate negli Stati Generali sono state: agroalimentare, eco-innovazione, energia e clima, risorse idriche.

Pietro Colucci: la competitività di un'azienda dipende anche dall'innovazione

In occasione dell'evento svoltosi nella cornice di Ecomondo è stato presentato il Rapporto CONAI (Consorzio Nazionale per il Recupero degli Imballaggi) 2014, il quale riporta che se si attuasse il riciclo del 50% dei rifiuti urbani, si potrebbero creare circa 90000 posti di lavoro.
Durante il suo intervento, Pietro Colucci, Amministratore Delegato di Kinexia, si è espresso in merito agli Stati Generali definendoli "un centro di idee ed un faro per il settore". Colucci ha inoltre sottolineato la necessità per le aziende di andare oltre l'obiettivo della produttività, puntando anche sull'innovazione tecnologica, elemento cruciale per rendere un'impresa più completiva sul mercato.
Per maggiori informazioni sulle tematiche affrontate durante gli Stati Generali 2014 ai quali ha partecipato Pietro Colucci, cliccare qui.
mercoledì 12 novembre 2014
L’Amministratore Delegato di Kinexia, Pietro Colucci, racconta a Caffè Affari gli investimenti dell’azienda in Cina, nell’ambito di progetti di trattamento delle acque.

Intervistato da Caffè Affari, Pietro Colucci descrive le attività di Kinexia SpA, azienda della quale è Amministratore Delegato, soffermandosi sugli investimenti e le attività effettuati all'estero.
Pietro Colucci  - Kinexia

Kinexia di Pietro Colucci: fusione tra settori ambientale ed energie rinnovabili

Kinexia è frutto della sinergia tra due settori della Green Economy: ambientale e rinnovabili, i quali, come sostiene l'AD Pietro Colucci, sono collegati tra loro e possono dare vita a un'economia integrata, che permette di raggiungere ottime performance sul mercato. A tal proposito, durante un'intervista a Caffè Affari, Pietro Colucci ha citato la fusione per incorporazione di Sostenya e di Waste Italia, avvenuta in tempi piuttosto lunghi. L'operazione ha implicato la comunicazione tra due mondi apparentemente incompatibili, quello delle imprese industriali e quello delle energie rinnovabili, quotato in Borsa tramite Kinexia. Come sottolinea l'Amministratore Delegato, per poter entrare nella cerchia degli imprenditori importanti in Borsa, è necessario raggiungere un target minimo di 100 milioni di caterizzazione, obiettivo ampiamente raggiunto grazie alla fusione operata da Kinexia.

Investimenti nell'area mediorientale e orientale dell'azienda di Pietro Colucci

Pietro Colucci descrive alcuni progetti dell'azienda, citando un importante accordo con lo sceicco El Ahmed per attività di ristrutturazione ecosostenibile in Italia, Paese molto amato dallo sceicco. È in programma la trasformazione del resort La Perla Jonica, situato in provincia di Catania, in una struttura a impatto zero. La collaborazione con lo sceicco ha origine dalla creazione di una società negli Emirati Arabi, che ha permesso allo sceicco e a Pietro Colucci di incontrarsi e di iniziare una collaborazione proficua in questi Paesi e in Marocco, che sta vivendo una crescita economica molto rapida. L'azienda ha anche altre attività all'estero, come la joint venture con un partner turco, attivo nell'ambito delle energie rinnovabili. I progetti in ambito internazionale di Kinexia si estendono anche all'Oriente, tramite la creazione di una società mista italo - cinese. Nell'intervista Pietro Colucci mette in luce un aspetto molto interessante della crescita economica di questo Paese; la Cina cresce con un ritmo del 8-9% ogni anno, ma questo va di pari passo con un enorme inquinamento ambientale, in particolare dell'aria e dell'acqua. Per questo motivo, il Governo cinese ha deciso di stanziare fondi in contesto ambientale, per i prossimi cinque anni. Kinexia ha dunque deciso di collaborare con la Cina, tramite la società CECEP, ad un importante progetto di trattamento delle acque.
Visitando il blog di Pietro Colucci è possibile conoscere maggiori dettagli sull'intervista di Caffè Affari.
giovedì 18 settembre 2014
Pietro Colucci è un rinomato imprenditore italiano attivo nel settore della Green Economy. Nel ruolo di Presidente e Amministratore Delegato della holding di partecipazione Kinexia, il Dott. Colucci ha portato la società a ricoprire una posizione leader nel mercato delle energie rinnovabili e della sostenibilità ambientale.

Pietro Colucci - Presidente del Gruppo Kinexia S.p.A.
Il nuovo assetto di Kinexia e l'incremento di capitale per Pietro Colucci

Kinexia, recentemente protagonista di alcune rilevanti manovre finanziarie, ha registrato un consistente incremento di capitali, quotato circa nove punti percentuali. Grazie all'apporto finanziario dedicato alla società Synegro e l'ufficializzazione della fusione inversa con il gruppo Sostenya, la società ha intrapreso un processo di riassetto con importanti variazioni nella distribuzione delle quote finanziarie tra i differenti azionisti. Attraverso una nota ufficiale, la Commissione Nazionale per la Società e la Borsa ha mostrato nel dettaglio la ridistribuzione secondo i valori maturati nel corso del riassetto. Consob, all'interno del comunicato reso pubblico in data 11 agosto, conferma l'incremento di capitale anche per il Presidente e Amministratore Delegato Pietro Colucci, dal 35% registrato nel maggio scorso a un attuale 44%.


Pietro Colucci ufficializza l'accordo con la società Item

Nei primi giorni di agosto, Pietro Colucci ha comunicato anche l'accordo sottoscritto tra Kinexia e la Item, società gestita dallo sceicco degli Emirati Arabi, Hamed Bin Ahmed Al Hamed. La sottoscrizione tra le parti ha come oggetto la gestione del progetto di EPC (Engineering, Procurement, Construction) mirato alla ristrutturazione in chiave green del complesso alberghiero "Perla Jonica", situato nella città di Acireale. Nel complesso il progetto vede la realizzazione di una riqualificazione tecnologica a tutela ambientale con un valore economico stimato circa 47 milioni di euro.

Pietro Colucci
, Presidente e Amministratore Delegato del gruppo Kinexia.
giovedì 28 agosto 2014
Guidata dall'imprenditore Pietro Colucci, Kinexia è una società quotata al mercato MTA presso la borsa di Milano operante all'interno del mercato dell'energia rinnovabile. Specializzata nello sviluppo e realizzazione di progetti mirati all'utilizzo di fonti sostenibili, oggi ricopre un ruolo da leader nel settore instaurando nel frattempo importanti accordi a livello internazionale.


Pietro Colucci e la gestione di fonti rinnovabili per PMI e privati

Nel corso dell'intervista rilasciata ai giornalisti del Quotidiano di Sicilia, Pietro Colucci ha posto l'accento sul recente progetto promosso dal gruppo in collaborazione con la controllata Innovatec, attiva nel mercato del fotovoltaico retail. Rivolto prevalentemente al mercato delle piccole e medie imprese e privati, il progetto vede la strutturazione di un modello di gestione di fonti rinnovabili basato sull'impiego di tecniche di storage innovative, capaci di garantire agli utilizzatori finali un risparmio e una riduzione dei consumi. Con l'obiettivo di allinearsi con i parametri imposti dall'unione europea, il progetto promosso dal gruppo guidato da Pietro Colucci offre una valida strategia d'impiego di risorse rinnovabili nonché la sostenibilità ambientale.


Pietro Colucci e la propensione verso una società "zero rifiuti"

Le iniziative promosse da Pietro Colucci vedono anche la presenza di modelli progettuali sviluppati per la gestione dei rifiuti. In collaborazione con Provincia, Regione e le diverse associazioni ambientali attive nel territorio di Torino, Kinexia - tramite Waste Italia - ha sviluppato "Waste End", un modello di gestione capace, attraverso specifiche e innovative tecnologie, di trasformare i rifiuti in prodotti di riciclo. Questo progetto, come tanti altri promossi dal gruppo, rappresenta la scelta effettuata da Kinexia nella "valorizzazione" del rifiuto attraverso il completo recupero.

L'intervista integrale rilasciata da Pietro Colucci al Forum del "Quotidiano di Sicilia".
lunedì 11 agosto 2014
L'accordo stipulato tra Kinexia e Synergo SGR, previsto dal Piano Industriale Congiunto, rappresenta una svolta all'interno del settore dei servizi ambientali.


Pietro Colucci e l'"Operazione Waste"

Pietro Colucci, Presidente e Amministratore Delegato di Kinexia S.p.a., è stato protagonista in questi giorni di un importante accordo sottoscritto tra KInexia e Synergo SGR, volto a rafforzare la presenza delle aziende nel settore ambientale, sia in ambito nazionale sia internazionale. Il concordato prevede la partecipazione di Synergo, con una quota pari al 22,11%, all'interno di Kinexia, la quale otterrà l'86,83% del capitale sociale di Waste Italia Holding, a totale controllo di Synergo.


Le aziende coinvolte nell'operazione guidata da Pietro Colucci

Waste Italia Holding S.p.a. è una holding che possiede l'intero capitale di Waste Italia S.p.a., capogruppo del "gruppo Waste Italia", operatore leader a livello nazionale nella gestione dei rifiuti e dei servizi per l'ambiente, controllata totalmente da Synergo. La società è attiva per tutto ciò che riguarda la raccolta, il trasporto, la selezione, il trattamento, il recupero, la valorizzazione e lo smaltimento di rifiuti speciali provenienti da attività commerciali ed industriali, oltre che per ciò che concerne la realizzazione e gestione di specifici impianti per la valorizzazione e il trattamento dei rifiuti. Il gruppo può vantare oltre tremila clienti fidelizzati, nove centri di selezione e sette punti di raccolta dei rifiuti destinati alle cinque discariche di proprietà. Kinexia è una società operante nello sviluppo e nella realizzazione di opere nel settore delle energie rinnovabili, quotata al mercato MTA della borsa di Milano. L'azienda si occupa della produzione di energia derivante da fonti rinnovabili come il vento, il sole, le biomasse tramite sistemi tecnologicamente all'avanguardia. Kinexia fa parte del gruppo Sostenya, una holding di partecipazioni attiva nel settore dell'energia verde, che può vantare oltre trent'anni di esperienza nel settore. Tutto il modello imprenditoriale è basato sulla sostenibilità ed è in grado di coniugare perfettamente la produzione di valore e di profitti per gli investitori con un forte impegno scoiale ed ambientale.

Per visualizzare i dettagli dell'operazione e tutti gli aggiornamenti visita il blog personale di Pietro Colucci.
giovedì 24 luglio 2014
Intervistato come esperto nel settore energetico, Pietro Colucci ha espresso il suo punto di vista in merito all'attuale scenario energetico globale e all'impiego e alla gestione odierna delle fonti energetiche fossili e rinnovabili.


Pietro Colucci, la necessità di un cambio di rotta verso l'impiego di fonti rinnovabili

Riprendendo in esame il rapporto redatto dalla World Bank in occasione dell'incontro presso il Fondo Monetario Internazionale, Pietro Colucci apre l'intervista rilevando l'importanza delle fonti energetiche al fine di garantire l'equilibrio ambientale del pianeta. All'interno di un sistema come quello odierno, caratterizzato ancora da un altro impiego di fonti fossili, l'equilibrio climatico ambientale è destinato a mutare con conseguenze e mutamenti climatici negativi. Secondo il Dott. Colucci, presidente di Kinexia, la scelta di un impiego energetico efficiente attraverso fonti rinnovabili rappresenta una soluzione volta a impedire mutamenti climatici, ma anche una scelta economica. Grazie all'evoluzione in campo tecnologico, oggi è mutato anche il rapporto tra produttori energetici e consumatori che generano, di fatto, la figura del "Prosumer". Figura nel campo energetico di consumatore capace, nello stesso tempo, di svolgere il ruolo di produttore attraverso fonti sostenibili.


Social Energy Network, una soluzione sostenibile e innovativa promossa da Pietro Colucci

Nel ruolo di Presidente della società Kinexia, Pietro Colucci è impegnato in prima persona nella ricerca e sviluppo di sistemi e modelli di produzione e gestione energetica derivante da fonti sostenibili e rinnovabili. Tra i principali modelli proposti dal gruppo Social Energy Network identifica un sistema energetico innovativo capace di mettere in contatto i diversi Prosumer, creando vere e proprie Smart City e Smart Community ad alta efficienza energetica.

Pietro Colucci
, Presidente e Amministratore Delegato Kinexia, intervistato da Radio 24.
giovedì 26 giugno 2014
Kinexia è una società quotata alla borsa di Milano, attiva nello sviluppo e nella realizzazione di attività nell'ambito delle energie rinnovabili, guidata dal Presidente Pietro Colucci.


La visita di Pietro Colucci in Cina

Pietro Colucci, Presidente e Amministratore Delegato di Kinexia, ha da poco annunciato la stipula di un importante contratto internazionale, stretto con la Cina nel corso della sua visita insieme alla delegazione del presidente del consiglio Matteo Renzi: il premier si è recato in Asia per promuovere il Made in Italy e l'imprenditorialità in estremo oriente.


Gli accordi stipulati da Pietro Colucci

Nel corso della spedizione in estremo oriente e alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e il Ministro del Commercio cinese Gao Hucheng, sono state gettate le basi per l'avvio di un progetto congiunto tra Kinexia e CECEP, China Energy Conservation and Environmental Protection Group, denominato "Waste to Water Technology" del valore di circa 22.5 milioni di euro, per il trattamento di acque e reflui industriali nella città di Yuyao. L'intenzione di entrambe le società è quella di ampliare la collaborazione anche allo sviluppo di azioni nel campo del Waste Recovery e delle smart technologies. Il compito di Kinexia sarà quello di fornire competenze tecnologiche e gestionali che saranno poi sviluppate e finanziate dal gruppo CECEP, con l'intento di applicare le soluzioni progettate in varie aree della Cina.
Nella stessa sede il Dott. Pietro Colucci ha inoltre sottoscritto con il presidente della società Zhejiang Media Co.Ltd, l'accordo per la formazione di una joint venture finalizzata alla realizzazione e gestione di una serie di impianti di produzione energetica, derivanti da sistemi di recupero energetico da fanghi industriali, provenienti dal distretto tessile situato nel sud della Repubblica Popolare Cinese.

Per visualizzare i dettagli e gli sviluppi relativi a questi progetti, visita il blog di Pietro Colucci su Wordpress.
venerdì 23 maggio 2014
Pietro Colucci, tramite SEI Energia (società controllata di Kinexia), ha recentemente promosso e realizzato un progetto dedicato all'istruzione e la sensibilizzazione dei bambini delle scuole elementari in merito alle tematiche ambientali, la sostenibilità, il rispetto e la lotta agli sprechi. L'iniziativa, che rientra tra le attività di Corporate Social Responsibility della società del Gruppo Kinexia, coinvolge alcune scuole elementari in provincia di Torino.
Pietro Colucci


Le prime due fasi del progetto di sensibilizzazione promosso da Pietro Colucci

Il progetto di sensibilizzazione realizzato dalla società di servizi di teleriscaldamento SEI Energia delle scuole elementari di Rivoli e Collegno, in provincia di Torino, è stato pensato per far comprendere ai bambini, sin da piccolissimi, l'importanza dei loro comportamenti nei confronti della salute dell'ambiente.
Il progetto di snoda attraverso una serie di attività e incontri suddivisi in tre fasi. Grazie alla collaborazione degli insegnati delle scuole, la prima fase ha previsto alcuni incontri nelle aule, grazie a materiale appositamente studiato, si è cercato di avvicinare i bambini in maniera semplice, creativa e divertente agli aspetti fondamentali dell'ecologia, la tutela ambientale e temi affini. La seconda fase del progetto prevede invece un momento maggiormente ludico: la visione de "Il fantastico mondo di Mister Six", uno spettacolo appositamente realizzato con protagonista la mascotte di Sei Energia.


Il concorso conclusivo: i bambini aiutano Mr Six

La fase conclusiva del progetto prevede che i bambini fino alla terza elementare, inventino uno strumento o un aiutante per Mr Six, il supereroe protagonista dello spettacolo visto nella fase precedente, impegnato nella difesa dell'ambiente. Agli alunni delle classi quarta e quinta invece è invece richiesto di trovare una risposta alla domanda "Cosa manca alla tua città per essere più sostenibile?"
Per conoscere maggiori dettagli in merito al progetto è possibile consultare l'articolo dedicato sul sito di Pietro Colucci.
martedì 6 maggio 2014
Pietro Colucci, presidente e amministratore delegato di Kinexia, sogna una Valle Verde in cui vi sia la raccolta dei rifiuti e il loro successivo smaltimento virtuoso, a favore di una maggiore sostenibilità ambientale.
Pietro Colucci


Pietro Colucci presenta Kinexia a Palazzo Clerici

Si è tenuto a Palazzo Clerici a Milano un incontro in cui Pietro Colucci, presidente e amministratore delegato Kinexia, ha presentato l'azienda agli investitori, proponendo un modo in cui poter eliminare il pensiero di una "catastrofe ambientale", trasformandola in una risorsa. Si parla di inquinamento dovuto ai rifiuti urbani. La raccolta differenziata di tali rifiuti e il loro smaltimento attraverso il riciclo dei materiali, potrebbe servire per ridurre lo spreco di materie prime e il consumo di energia. In seguito al riciclo dei rifiuti, soltanto una piccola parte andrà a finire nelle discariche, di cui Pietro Colucci sogna la scomparsa a favore del recupero, il resto verrà riutilizzato per la produzioni di altri materiali e di nuova energia verde da sfruttare.


Gli impianti per lo smaltimento dei rifiuti verranno piano piano messi da parte

Pietro Colucci, nel corso del suo intervento, ha accennato ad una terza rivoluzione industriale, quella verde. Parlando di 'energia da tutti e per tutti', sottintende la possibilità che tutti collaborino per un futuro migliore. Un futuro in cui si utilizza prima di altre l'energia derivata dallo smaltimento dei rifiuti. Anche per la raccolta differenziata dei rifiuti è necessaria la collaborazione di tutti: ciascuno nel proprio piccolo può far fronte a un grande problema, se per quel piccolo ci mette attenzione e impegno. In questo modo la quantità di rifiuti indifferenziati dovrebbe piano piano diminuire e, conseguentemente, anche il numero di discariche attive. Quindi, nessuna realizzazione di nuovi impianti di smaltimento è prevista ed anzi, alcuni impianti già esistenti verranno solo migliorati e adeguati alle nuove normative introdotte, altri impianti molto vecchi verranno progressivamente dimessi.
venerdì 21 marzo 2014
Pietro Colucci - canale ufficiale YoutubeInnovatec propone l'internet dell'energia: migliaia e migliaia di piccole centrali in grado di produrre energia localmente e solo da fonti rinnovabili, un sistema interconnesso di piccoli produttori e consumatori, stabile e sicuro. Visita il canale Youtube di Pietro Colucci per avere maggiori informazioni sul progetto Energy Performance Technology.

ENERGIA DA TUTTI E PER TUTTI CON IL NUOVO PROGETTO DI INNOVATEC, GRUPPO KINEXIA ITALIA

Innovatec, controllata del Gruppo Kinexia, di cui Pietro Colucci è presidente, propone una nuova rete nella quale i dispositivi per produzione e accumulo sono monitorati e regolati in funzione dei consumi oppure delle previsioni metereologiche. Con meccanismi premiali per i consumatori più virtuosi, il sistema fotovoltaico di Innovatec mira a unire la produzione energetica con l'informazione web, creando una rete tra i singoli e le piccole imprese. Innovatec è un'azienda che aggrega competenze acquisite nei settori dell'energia rinnovabile, dell'automazione e dell'efficienza energetica: l'obiettivo è realizzare una rete info-energetica tra produttori e consumatori. Già circa 3000 famiglie e imprese italiane hanno installato un sistema fotovoltaico telecontrollato, limitando la loro dipendenza dalle utility tradizionali.

RESPONSABILITA' SOCIALE IN TEMPO DI CRISI: COME SI MUOVE L'IMPRESA ITALIANA

Con le imprese italiane, negli ultimi cinquant'anni, si è cresciuti con l'idea di creare un valore assoluto. Oggi, il rapporto con le istituzioni finanziarie e le banche, in particolare, ha bisogno di essere riscritto. A livello mondiale questa attenzione esiste già, in Italia invece si fatica perché le imprese hanno difficoltà a comprendere che il merito creditizio comprende parametri diversi e una metrica di valutazione che tenga conto anche di quei parametri su cui si investe in termini di ambiente, società ed economia locale. Sostenibilità e Responsabilità Sociale devono essere i binari della rinascita dell'Italia e il sistema finanziario deve smettere di girare la faccia da un'altra parte sprecando tempo e opportunità. È questa la sintesi dell'intervento di Pietro Colucci, presidente e amministratore delegato del Gruppo Sostenya, alla due giorni organizzata dall'ABI a Roma, per parlare di Corporate Social Responsability.

CSR e imprese al tempo della crisi: visita il canale Youtube per vedere l'intervista a Pietro Colucci.

venerdì 7 marzo 2014
In un periodo in cui la sostenibilità rappresenta un elemento imprescindibile per il futuro, le società del gruppo Sostenya sfruttano l'evoluzione tecnologica per strutturare modelli di produzione e smaltimento idonei alla limitazione dell'impatto ambientale, favorendo l'utilizzo di energie sostenibili.

Gruppo Sostenya, una società al servizio dell'ambiente

Il Gruppo Sostenya è una Holding di Partecipazione attiva nel settore ambientale e dell'energia rinnovabile, costantemente impegnata a livello morale e professionale nel mercato della green economy; si occupa di servizi e strutture mirate a un miglioramento costante della sostenibilità ambientale.
Tra le società del gruppo guidato da Pietro Colucci, Waste Italia è leader nel settore della gestione integrata dell'intera filiera di smaltimento rifiuti. Kinexia, altra società di Sostenya, si identifica con la produzione di energia rinnovabile e teleriscaldamento attraverso una diversificazione delle fonti.

Kinexia, per uno smaltimento sostenibile dei rifiuti

Kinexia, che dal 2008 opera nella gestione d'impianti di energia rinnovabile, ha recentemente dato il suo consenso per procedere con la realizzazione di un impianto di produzione di energia verde che sfrutta o rifiuti organici prodotti dai cittadini della città di Vigevano. Il processo, su cui si basa il modello di produzione, vede l'impiego della tecnica di fermentazione anaerobica al fine di produrre metano in quantità capace di soddisfare il fabbisogno annuo di oltre 2400 famiglie. Kinexia, oltre ad utilizzare il gas prodotto dallo smaltimento, impiega un modello capace di riqualificare anche la parte solida dei rifiuti come ammendante per il settore agricolo.

Per ottenere maggiori informazioni sul mondo dell'energia rinnovabile è possibile consultare il portale Economia Oggi.